Recensione: Speciale Zagor 22

Uno Zagor troppo bravo
di Biagio Andrea Barra

SPECIALE ZAGOR 22
Autori: Jacopo Rauch (testi), Oliviero Gramaccioni (disegni), Gallieno Ferri (copertina)
162 pagine, b/n, brossura, 16x21, Euro 4.80
Sergio Bonelli Editore

Il ventiduesimo special annuale di Zagor, intitolato "La luna degli scheletri", segue uno dei filoni più tipici nella storia del personaggio, quello del soprannaturale, mondo con il quale lo Spirito con la Scure ha sempre avuto a che fare, e che, suo malgrado, è ormai “abituato” a fronteggiare.

L'avventura, sceneggiata da Jacopo Rauch, prende il via da una strage perpetrata da un manipolo di ceffi senza scrupoli ai danni di un gruppo di indiani, e che avrà delle conseguenze drammatiche e sorprendenti per tutti i suoi colpevoli. 

Pur essendo ben articolata, la storia mostra uno Zagor un po’ troppo percettivo, con quel suo "intuire" il pericoloche qui diventa quasi una sicumera di quello che lo aspetta. Inoltre, si sente la mancanza attiva della spalla di Zagor, ossia di un Cico pasticcione che riesca davvero ad alleggerire i toni del racconto, cosa che avviene solo un paio di volte e non sempre all’altezza delle potenzialità comiche del personaggio.

Tutto viene comunque ben gestito dal disegnatore, Oliviero Gramaccioni, a suo agio con i personaggi e con l’ambientazione, e le cui scene clou, svolgendosi soprattutto di notte, denotano una buona resa dei chiaroscuri, che non appesantiscono le tavole. L’unico appunto che si può fare è il fatto che i “cattivi” vengano tutti segnalati da un’ombreggiatura delle occhiaie abbastanza sgradevole nella connotazione somatica dei personaggi, le cui azioni, tra l’altro, rendono appieno la loro malvagità, senza bisogno di “effetti speciali”.

Insomma, una storia che si rifà ai classici canoni dello Spirito con la Scure, in cui si vedono i bianchi razzisti e ottusi, senza nessun rispetto per i nativi e per chi ne difende i diritti, in una assenza di vette pindariche ma che comunque si svolge senza cadute, e quindi fruibile a tutti gli appassionati.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento