Recensione: Lavennder

Una "Storie" molto estiva
di Moreno Salsi

LAVENNDER
Autori: Giacomo Bevilacqua (testi e disegni), Aldo Di Gennaro (copertina)
Formato: 128 pagine, colore, brossurato, 16x21, 6 €
Editore: Sergio Bonelli Editore

Quarto appuntamento a colori per lo Speciale della fortunata collana “Le Storie”. Un racconto estivo sotto molti punti di vista partendo dalla location e passando dai colori di queste 128 pagine.
Lavennder è completamente realizzato da Giacomo Bevilacqua, autore delle fortunate scenette di A Panda Piace che lo hanno reso famoso agli appassionati di fumetti principalmente sul web.
Dalla storia ai disegni l’autore romano inventa un’avventura leggera, scorrevole e piacevole; dai tratti moderni, quasi televisivi e dai colori freschi e brillanti.

La storia di questo speciale scorre veloce, le pagine volano e il lettore si trova ad esplorare questa meravigliosa isola incontaminata assieme ad Aaron e Gwen, i due turisti che hanno scelto di passare una settimana sull’isola in totale solitudine. Scoprendo assieme a loro le meraviglie di quel luogo incontaminato e selvaggio.
Purtroppo però la situazione precipita quando i due fidanzati scoprono di non essere davvero gli unici nei paraggi... Qualcun altro, infatti, si nasconde tra la rigogliosa vegetazione tropicale e non sembra armato di buone intenzioni; Gwen ed Aaron faranno il possibile allora per abbandonare quello che improvvisamente si rivela essere una sorta di prigione a cielo aperto.

Il sole di questi giorni estivi ben si sposa con il clima tropicale e le pagine luminose prodotte da Bevilacqua che fissa tramonti da cartolina e un’atmosfera di totale isolamento paradisiaco.
Chi non ha mai sognato di passare davvero qualche giorno di libertà assoluta su un’isola deserta? L’agenzia Lavennder può realizzare il vostro sogno: isolamento dal mondo circostante, dallo stress e dalle severe abitudini odierne delle nostre vite; con un soggiorno su un’isola dove il tempo pare fermarsi.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento