Recensione: Raw Hero 1

Dopo i ragazzi di Prison School, ecco Chiaki!
di Marco Cubeddu

RAW HERO 1
Autore: Akira Hiramoto (testi e disegni)
Formato: 176 pagine, b/n, brossurato, 13x18, 5,50 €
Editore: Star Comics

Raw Hero è la nuova opera di Akira Hiramoto, noto in Italia per il manga Prison School. Chiaki è un giovane disoccupato che lotta per trovare un impiego mentre si occupa dei suoi fratelli minori. Un giorno, mentre si reca ad un colloquio, coglie sul fatto un uomo intento a molestare una donna e, spinto dal proprio senso di giustizia, interviene perdendo l'opportunità di presentarsi in tempo all'appuntamento con il suo futuro datore di lavoro. Questo, tuttavia, aprirà a Chiaki le porte di un nuovo mondo. Infatti troverà impiego nella divisione amministrativa della giustizia, un ente governativo che impiega eroi in carne e ossa. Costoro sono individui entrati in possesso di capacità straordinarie e che combattono i "mostri", individui che hanno ottenuto illegalmente capacità straordinarie.
La prima missione di Chiaki sarà di infiltrarsi nella Calf, un'organizzazione "malvagia" che asserisce di voler liberare i detentori di abilità speciali. Chiaki riuscirà ad entrare nell'organizzazione ma, a causa di un disguido, lo farà vestito da donna, dando il via ad un'incredibile sequela di eventi e situazioni assurdamente ilari.

Lo stile narrativo dell'opera mette in scena un'apparente serietà in cui fraintendimenti ed equivoci giocano un ruolo fondamentale per il proseguo della trama, portando a situazioni esilaranti e a colpi di scena inaspettati che portano il lettore a chiedersi con trepidazione come proseguiranno gli eventi.
Lo stile dell'opera, inoltre, ha un'evidente carica erotica, la quale tuttavia passerà rapidamente in secondo piano, divenendo quasi un elemento di contorno che contribuisce alla comicità delle situazioni. In sostanza Raw Hero è un action comedy consigliato a chi cerca un approccio al genere rinnovato e ardito, capace di intrattenere e divertire.
Share on Google Plus

About ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento