Recensione: Tex 682

L'Amicizia secondo Tex
di Moreno Salsi

TEX 682
Autori: Mauro Boselli (testi), Alessandro Piccinelli (disegni), Claudio Villa (copertina)
Formato: 110 pagine, b/n, brossurato, 16x21, 3,50 €
Editore: Sergio Bonelli Editore

I racconti sul passato di Tex Willer sono apparentemente il nuovo trend della serie; come già abbiamo potuto leggere sulle pagine dello speciale “Il magnifico fuorilegge” uscito a luglio, Boselli pone Tex e compari attorno al fuoco a svelare, a mo' di racconto, avventure vissute almeno vent’anni prima in un vagabondare mesto e solitario per combattere il dolore della perdita di Lylith. Abbandonando il piccolo Kit alle cure degli indiani Navajo.
In coppia con Mauro Boselli troviamo Alessandro Piccinelli, autore di disegni sensazionali che da soli valgono il prezzo del biglietto.

Dai ricordi di Tex veniamo a conoscenza della bella Lupe Velasco, ragazza messicana dal carattere acceso e grande amica del nostro eroe, il quale si trova fortunatamente nelle vicinanze quando lei sta correndo un grave pericolo. Il racconto scorre bene e sono poche le interruzioni che riportano al presente e alla calma del bivacco.
Non mancano le sparatorie, anzi si può dire che il fumetto in questione è parecchio rovente e carico di piombo. Piombo che pure la bella Lupe saprà piazzare in corpo ai comancheros che la tenevano sotto scacco, liberandosi presto del ruolo della bella da salvare.
Passano gli anni ed il motivo per cui il ricordo di Lupe riaffiora è la comparsa di una ragazzina in fin di vita che ha attraversato il deserto in cerca d’aiuto. È Luz, la figlia di Lupe!

Contiamo i giorni in attesa dell’uscita del seguito, sperando in una dose d’azione altrettanto concentrata che coinvolga tutta la squadra di pistoleri.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento