Recensione: Comics Factory 7-8

Veronesi in ascesa
di Alessandro Neri

COMICS FACTORY 7-8
Autori: AA.VV.
Formato: 60 (n. 7) e 50 (n. 8) pagine, b/n e colore, spillato, 20x29, 2,50 € cad.
Editore: Cyrano Comics

Comics Factory è la rivista principale di un’associazione di giovani fumettisti veronesi, la Cyrano Comics, che pubblica anche alcuni albi monografici dedicati ai migliori successi del gruppo. Un giornaletto che contiene molte storie a fumetti in bianco e nero di lunghezza variabile.

Il n. 7, che gode di una nuova grafica rispetto agli albi precedenti, si apre con un episodio di una serie “classica” di Comics Factory, “Bù!!!”, di Nebbioso e Finez, che si vorrebbe assurda e divertente, ma non ci riesce a pieno. Non va meglio con “Aurora”, la cui disegnatrice, Apebaloon, dimostra però un buon tratto in stile manga, ma ancora un po’ immaturo. Segue l’ottimo “Hero”, con cui Andy Given riesce a farci ridere con sole tre tavole essenziali nel disegno e nei testi. E’ la volta di “La ricerca di lei”, un’altra storia dell’eclettico Nebbioso, che, coadiuvato dal disegno fresco della Suri, firma qui la sua storia migliore dell’albo. Di “Zampa di lepre”, di Nessie e Herie, dobbiamo ammettere che avremmo fatto volentieri a meno, mente in “Un’altra me” The Reddead dimostra un buon potenziale come disegnatore (inchiostrature da rivedere), meno come sceneggiatore. Carini i disegni in manga-style di Mika per “Il sapore dei ricordi”, un’altra artista che dovrebbe concentrarsi solo sul disegno. Piuttosto divertente è “Bonthon” (di autore anonimo). Sempre di Nebbioso è “Benvenuti a Porco Rosso”, fumetto un po’ sconclusionato ma simpatico, illustrato dalla buona mano di Enrico Bettanin. Chiudono l’albo tre strisce a colori di “Lou & Maca” di Diego Farina, il bravo copertinista di questo numero.

E passiamo a Comics Factory 8, la cui cover è di Fales: siamo subito felicemente sorpresi dall’onirico “Notturni”, quasi una poesia illustrata, opera dei bravissimi Nachtbummler e Diego Mazzo. Passiamo quindi allo spassoso “Baldo Dog”, ottima parodia del famoso Indagatore dell’Incubo ad opera di Stefano Milani. Seguono un’altra storia di “Bu!!!”, non migliore di quella dell’albo precedente, “Uaild Uest”, piacevole farsa western di un altro anonimo, e “Key”, molto disorganica, ma che ha il merito di mettere in valore il disegno già maturo di Zeo. Poi torna Andy Given con “Spugntta” e dimostra ancora di saperci farci ridere in modo molto semplice, una qualità rara. “Pandora S.p.A.”, di Elisa Ferrari e Gabriele Bagnoli, e “Cowboys Hand”, dello stesso Bagnoli, sono le ultime due storie rappresentano bene il resto dell’albo: storie senza grandi pregi, buoni disegni. Ovviamente ci sono anche delle positive eccezioni, come Andy Given e la coppia di “Notturni”.

A corredare entrambi i magazine, alcune interviste a professionisti del fumetto e dell’illustrazione, recensioni e rubriche molto interessanti.

Tutto sommato non è un cattivo risultato, la rivista è amatoriale, ma se i ragazzi di Cyrano Comics vogliono fare il grande salto (di qualità), devono selezionare meglio le storie, magari pubblicandone meno, e i disegnatori, validi fra l’altro, si dovrebbero limitare a quel che sanno fare meglio. 
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento