Recensione: Asterix 37

I Galli sulla "Transitalica"
di Elio Marracci

ASTERIX 37
Autori: Jean-Yves Ferri (testi), Didier Conrad (disegni e copertina)
Formato: 48 pagine, colore, brossurato, 22x29, 12,90 €
Editore: Panini Comics

Trentasettesima uscita della serie che ha venduto più di 370 milioni di copie in tutto il mondo e terza avventura di Asterix e Obelix dell'era post Uderzo, “Asterix e la corsa d'Italia” è un albo a fumetti, pubblicato in contemporanea in oltre venticinque paesi nel mese di ottobre del 2017, scritto da Jean-Yves Ferri, disegnato da Didier Conrad e stampato dalla modenese Panini Comics.

Avvenimenti cardine di questo cartonato sono una gara di bighe indetta nell'anno 50 a.C. su un tragitto che da Monza, con tappe a Parma, Siena e Roma, si snoda fino a Napoli, tra carri ed equipaggi di tutto il mondo allora conosciuto e la rocambolesca corsa dei due protagonisti per tagliare per primi il traguardo.
Storia molto divertente che ruota intorno alla trasferta dei due eroi, creati nel 1959 da Albert Uderzo e René Goscinny, nella penisola italica, “Asterix e la corsa d'Italia” tramite un raffronto tra l'epoca romana e il nostro presente, oltre a ironizzare sull'attualità strizza l'occhio ai luoghi comuni che caratterizzano la natura, l'arte e la cucina del Bel Paese come, tra i tanti, le buche nelle strade della capitale che danno il via al racconto.
Oltre a ciò, le vicissitudini dei personaggi, molti dei quali vecchie conoscenze dei lettori della saga, servono per passare in rassegna i dialetti, resi in italiano da un'ottima traduzione di Andrea Toscani e Vania Vitali, gli usi e i costumi delle diverse regioni dello stivale, dimostrando come già ai tempi di Cesare l'Italia fosse un Paese tutt'altro che unito ma, al contrario, pieno di individualismi.

Un plauso va tributato infine alla coppia di autori formata da Jean-Yves Ferri e Didier Conrad che hanno dato prova di pregevoli qualità che, sia a livello grafico che di testi, non hanno fatto rimpiangere Uderzo e Goscinny.
La vicenda narrata, dal ritmo incalzante e concitato, è ricca di colpi di scena e di trovate divertenti e i giochi di parole e le gag presenti nel volume sono garbate e mai eccessive.
Per quanto riguarda poi i disegni, realizzati con un tratto semplice, chiaro ed estremamente pulito, di grande effetto sono le scene di massa con bighe e cavalli e molto spiritosi sono alcuni comprimari che hanno i volti di personalità del passato recente e del presente.
Oltre a iscritti alla gara che hanno le sembianze di Serena e Venus Williams, Roberto Benigni e Bud Spencer, i lettori riconosceranno infatti un oste dalla voce potente che ha la faccia e il fisico di Luciano Pavarotti e un abile imprenditore, modellato sulle fattezze di Silvio Berlusconi, che è disposto a vendere pubblicità dappertutto e a fiutare il possibile grande incasso dietro ogni situazione.

Alla luce di quanto scritto possiamo quindi affermare, senza paura di smentite, che anche se non paragonabile agli albi più belli della serie, “Asterix e la Corsa d’Italia” (disponibile per l'acquisto in due versioni: la prima con un formato standard e foliazione di 48 pagine, la seconda con un formato più grande e foliazione di 128 pagine con dorso in tela e arricchita di numerosi extra), è un'opera ben strutturata ed estremamente godibile e una lettura estremamente consigliata per gli amanti del buon fumetto.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento