Recensione: Come una pietra

Fragile
di Moreno Salsi

COME UNA PIETRA
Autori: Joe Casey (testi), Charlie Adlard (disegni)
Formato: 112 pagine, b/n, brossurato, 17x26, 12,90 €
Editore: saldaPress

Tom Dare è un uomo di mezza età, è un pianista jazz, sta divorziando dalla moglie ed improvvisamente si accorge che al suo corpo sta succedendo qualcosa di inaspettato e sconosciuto. Si sta trasformando in pietra! Ma non pietra animata come quella che caratterizza la Cosa dei Fantastici Quattro, pietra vera: rigida, fredda e inanimata.

Ai testi troviamo l’americano Joe Casey (X-Men, Superman, Wildcats) e ai disegni l'inglese Charlie Adlard, mondialmente conosciuto per la serie zombie The Walking Dead.

Adlard porta il suo inconfondibile tratto snello e leggero, senza particolari stratagemmi grafici (come visto invece su Guerra Bianca) in una storia ambientata ai giorni nostri, dove un uomo che sta vivendo le ultime, stremanti, battute di un divorzio si trova ad affrontare un problema ancora più difficile dato che lentamente il suo corpo, partendo dalle mani, sta irrigidendosi e trasformandosi in pietra, portandogli via anche l’ultimo conforto che proveniva dalla musica jazz che suonava al pianoforte.

Attorno al protagonista Casey fa ruotare ben pochi comprimari, per lo più amici stretti che l’accompagneranno verso il suo inevitabile destino.
Un caso come quello di Tom non può rimanere a lungo nell’ombra e una serie di eventi porterà agli occhi del mondo la sua condizione e gli darà la possibilità di riscattare in parte la sua vita.

Come una pietra si presenta alle prime battute in maniera frivola, scanzonata, poi man mano che si prosegue la lettura e ci si addentra nella vita di Tom e nella sua condizione sempre più drammatica ecco apparire ogni fragilità umana, ma assieme ad essa, a bilanciarne l’entità, ci viene mostrato anche ogni appiglio a cui gli uomini si aggrappano per non mollare.

Come una pietra è apparentemente una storia dall’esito scontato, ma Tom saprà stupire tutti trovando una via di fuga sorprendente.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento