Recensione: 6000 Rosuken - Gli abissi della follia 1-4

Orrore a 6000 metri sotto il mare
di Marco Cubeddu

6000 ROKUSEN - GLI ABISSI DELLA FOLLIA 1-4
Autore: Nokuto Koike (testi e disegni)
Formato: 176 (nn. 1-3) e 208 (n. 4) pagine, b/n, brossurato, 13x18, 6,50 € cad.
Editore: Planet Manga

6000 Rosuken - Gli abissi della follia segue le vicende di Kengo Kadokura, giovane impiegato che si trova a far parte di un gruppo che deve supervisionare la rimessa in funzione di un impianto, il Cofdeece, situato a seimila metri di profondità nei mari delle Filippine. Tre anni prima, uno spaventoso incidente provocò la morte di tutti gli operatori della struttura e ora, ad un passi dalla messa in funzione, qualcosa di sinistro continua ad aleggiare.
Nonostante l'incidente fosse stato attribuito ad uno spaventoso incendio, tracce residue sembrano rimandare a qualcosa di molto più oscuro ed inquietante. Visioni spaventose ed orribili funestano gli attuali membri del Cofdeece, tenuti all'oscuro della realtà dell'incidente e ciò che ne è seguito dalla loro compagnia. Ma la verità inizierà a farsi strada con violenza, in un crescendo di orrore che metterà a dura prova le doti di sopravvivenza e la sanità mentale del gruppo. 

Nokuto Koike ha un brillante talento nel gettare le basi della vicenda ed a costruire un crescendo di tensione che farà rimanere incollati alle pagine. Fin dall'inizio, ciò che maggiormente colpisce è l'ambientazione del manga. Infatti la consapevolezza dei personaggi di trovarsi a seimila metri di profondità contribuirà a creare un'atmosfera soffocante e claustrofobica, facilmente avvertita anche dal lettore. 
Si potrebbe quasi dire che i veri protagonisti siano gli abissi marini, lo spietato ambiente che manifesta le sue tenebre nel corso della storia, ed il Cofdeece, la sinistra struttura le cui pareti opprimono i protagonisti dell'opera e nascondono gli orrori da cui Kengo e compagni dovranno riuscire a salvarsi.
Consigliata a tutti gli amanti del genere horror.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento