Recensione: Alle montagne della follia

Recchioni presenta: Lovecraft
di Giuseppe Nieddu

ALLE MONTAGNE DELLA FOLLIA
Autori: Giovanni Masi (testi), Federico Rossi Edrighi (disegni), Roberto Recchioni (copertina)
Formato: 112 pagine, b/n, cartonato, 16x21, 15 €
Editore: Star Comics

H. P. Lovecraft riuscì a descrivere un universo indescrivibile. Raccontando al suo pubblico solo la facciata di quello che un normale essere umano potrebbe vedere, riuscì, attraverso la sua non-narrazione di un universo di orrore, a creare uno stato di angoscia e paura, lasciando intuire alla mente del lettore che cosa realmente si celasse dietro a quello che si mostrava.
Quindi, possiamo solo immaginare quale sia la difficoltà di raccontare attraverso le immagini della Nona Arte, un universo narrativo così spaventoso.
Gli autori di questo albo, Giovanni Masi (Dylan Dog, Orfani) ai testi  e Federico Rossi Edrighi (John Doe, Dylan Dog) ai disegni, sono senz'altro da elogiare fin d'ora. Infatti il duo di Harpun ha reso l'impatto della trasposizione a fumetti simile a quello del testo originale.

Non si può fare a meno di notare la passione che Masi ha per questo pilastro della letteratura horror mondiale (come da lui stesso afferma nella postfazione). In ogni vignetta è evidente che Alle montagne della follia fu letto e riletto con passione, immaginando i monumentali paesaggi ghiacciati antartici e le follie che vi erano contenute. Particolari sono l'uso delle onomatopee e di alcune geometrie, specialmente quelle a stella (scelta sicuramente non dovuta al caso), che ricorrono nei punti cruciali del racconto, dando segnali al lettore, in un crescente stato di agitazione, mano a mano che il ritmo della narrazione di fa sempre più serrato.
I disegni, come già detto, sono in sintonia con il testo originale: il tratto ruvido si rispecchia nella vicenda, con un ottimo alternarsi del bianco, del nero e del grigio. 
Abbiamo particolarmente apprezzato le splash page dove viene mostrato l'orrore descritto da Lovecraft riemergere dalle viscere della terra e del tempo. Molto bella sopratutto la pagina conclusiva, dove viene riassunta in una unica immagine tutta la storia narrata.

Questo volume, inoltre, contiene degli approfondimenti sulla lavorazione dello stesso da parte degli autori e del curatore, Roberto Recchioni, fornendo anche un interessante, se pur discutibile, punto di vista sul lavoro dell'autore dei Miti di Cthulu.
Lovecraft ha scritto migliaia di pagine. Su di lui sono state scritte migliaia di pagine, ha ispirato decine di autori, film, libri, giochi, racconti e fumetti. Questa trasposizione a fumetti di uno dei suoi più celebri racconti contribuisce alla sua fama di creatore di un intero universo narrativo, unico e spaventoso.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento