Intervista: Lucio Staiano di Shockdom

Noumeno, ovvero il ritorno di Shockdom alla produzione
a cura di Enrico Martini

Lucca Comics & Games incombe e con essa si preannuncia un mare di novità. Abbiamo fatto due chiacchiere con Lucio Staiano, fondatore e colonna portante di Shockdom Edizioni, riguardo a uno dei progetti di punta della casa editrice per questo fine 2014: Noumeno.

Ciao Lucio. Innanzitutto, cos'è Noumeno?
Noumeno è tante cose. È il tentativo di incontrare il mondo delle fumetterie, dare loro l’importanza che si meritano e non trattarle come succursale delle edicole. È il ritorno di Shockdom alla produzione, ma soprattutto è un’idea di base molto originale, nuova, se ci si pensa a fondo, anche destabilizzante.

Di cosa parla?
Prendiamo una persona qualsiasi, Giuseppe Rossi. Egli ha una percezione di sé, ma questa percezione non è il vero Giuseppe Rossi, solo la propria personale percezione. Chiunque conosca Giuseppe Rossi ha una percezione dell’uomo, che è diversa da quella di tutti gli altri. Quindi esistono tanti Giuseppe Rossi quante sono le persone che lo conoscono (anche solo per sentito dire). 

Ogni Giuseppe Rossi così creato viene chiamato fenomeno (di Giuseppe Rossi, appunto). Esiste un altro Giuseppe Rossi, che è la media di tutti i Fenomeni e viene chiamato noumeno. Questo Giuseppe Rossi vive nel Noumeno che è l’insieme di tutti i noumeni. Ma il Fenomeno e il Noumeno, non sono due universi paralleli, non sono due timeline differenti, non sono due pianeti gemelli: sono la stessa realtà solo misurata in maniera diversa. Quindi due realtà che si influenzano senza scampo, legate a doppio filo.

In poche parole, il Fenomeno è ciò che noi pensiamo di noi stessi, il Noumeno è quel che gli altri pensano di noi: Pirandello ci andrebbe a nozze.

Quindi ci dobbiamo aspettare una storia molto cerebrale?
No, quel che ho raccontato è il background. La storia è un vero thriller con assassini, tradimenti, colpi di scena continui. L’ambientazione è il mondo politico futuro, in realtà per certe cose molto simile a quello di sempre, con i suoi intrighi che si tingono di sangue.

Il protagonista è Salomon Maimon, nel Fenomeno un editorialista di massimo influenza, di lui si dice che un suo refuso possa far cadere un governo. Tanto autorevole che i suoi lettori lo considerano una grande politico e lo vorrebbero nell’agone. Così nel Noumeno è veramente un politico, un giovane rampante destinato a vincere le vicine elezioni per il posto di primo ministro europeo. Un politico che rompe le regole e che disturba i giochi e l’equilibrio creato dalla vecchia classe dirigente. Salomon è quindi un personaggio da eliminare. Ma lo sarà nel Fenomeno o nel Noumeno?

Curiosando nel materiale che mi hai inviato, ho notato un aspetto curioso: che significa che esiste una base matematica di Noumeno?
Questo è uno degli aspetti che mi divertono di più. I miei antichi trascorsi di fisico mi hanno aiutato a impostare un gioco mentale. Ho ipotizzato l’esistenza di uno spazio vettoriale in cui la parte non sensoriale (carattere, personalità, ecc) di un individuo sia rappresentata da un vettore. In questo spazio la percezione è una funzione, da qui una serie di definizioni su cosa siano il fenomeno e il noumeno, cioè vettori di due spazi e una serie di conseguenze che in qualche modo influenzano la narrazione. Una cosa molto affascinante è che studiando matematicamente l’ambientazione sono riuscito a evitare alcuni buchi di sceneggiatura e viceversa stiamo ricevendo spunti narrativi dalla matematica, che speriamo un giorno di sviluppare.

Leggevo che lo staff artistico è composto da te e da altre due persone. Puoi parlarne?
Si, l’altro sceneggiatore è Gianluca Caputo, bravissimo ad aiutarmi a modellare la storia e a svolgere la sceneggiatura. Laureato in filosofia, insegnante, ha amato subito la storia e ha dato un contributo fondamentale. Tra l’altro, il nome del protagonista è una sua intuizione. Salomon Maimon è infatti il nome di un filosofo post-kantiano.

Il disegnatore è Giulio Rincione, un giovanissimo talento siciliano il cui stile graffiante, dai colori quasi assordanti, molto rough, è perfetto per Noumeno. Di lui sentirete tantissimo parlare in futuro.

L’innovazione, se non sbaglio, consiste anche nell’offerta commerciale.
Esatto. Noumeno sarà un fumetto di 64 pagine a colori, formato 17x24, con un prezzo di copertina di 5€, ma sarà proposto alle fumetterie con sconti altissimi. Il nostro obiettivo non è guadagnare da questo pilota, ma che venga distribuito il più possibile, perché crediamo nella storia e nell’idea.

A questo punto, la fatidica domanda: quando uscirà?
A Lucca 2014 e verrà proposto ai negozianti sin da subito. Ma sarà disponibile sullo Store di Shockdom sin da ottobre, in prevendita.

Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento