Recensione: Stria

La delizia gelida di Stria
di Matteo Spadini

STRIA
Autore: Gigi Simeoni (testi, disegni e copertina)
Formato: 320 pagine, b/n, brossurato, 21x16, 9 €
Editore: Sergio Bonelli Editore

Quando terminiamo una lettura, generalmente siamo soliti chiederci cosa ci abbia lasciato. Nel caso di Stria, l'ultimo dei "Romanzi a fumetti Bonelli", la risposta è piuttosto scontata: un miscuglio di sensazioni piacevoli e la conferma che il passato è spesso un nemico spregevole e ingannevole.

Creato interamente da Gigi Simeoni (compresa la gelida copertina), come aveva già fatto con Gli Occhi e il Buio nel 2007, Stria è un'appassionante storia nostrana che vede protagonisti due adulti alle prese con il loro passato dimenticato. Chiara è una hostess che vola per fuggire dai suoi incubi, Fabio un fotoreporter che immortala la morte sui campi di battaglia. Ad unirli, l'annebbiato ricordo di una strega.

Potente, fresco, sincero e dannatamente vero, questo è un fumetto che rimane, perché ha tutto ciò che serve e anche di più: le paure e le sfide fra coetanei, le gelosie causate dai primi amori, i misteri di vecchie leggende tramandate, verità nascoste e poi dimenticate, ostacoli di vita. Il tutto è rappresentato dal piacevole tono di Simeoni, sia nei disegni che nei dialoghi che non annoiano mai. E considerando la lunga durata della storia, è una qualità non da poco. Non ci sono momenti morti, in Stria la trama corre su un filo, con ritmo e decisione. Ma il merito non è tanto della sua originalità, perché seppur mai banale e scontata, spicca soprattutto per come è narrata, la trama. I numerosi flashback sono parte integrante come non mai e si fondono alle perfezione con gli eventi del presente; è evidente che la compattezza generale è causata dall'unico addetto ai lavori. Quando è la stessa persona a scrivere il soggetto e la sceneggiatura e a trasformarli in disegno, il risultato può essere un disastro o una delizia. E senza dubbio, vi possiamo dire che Stria è una vera delizia.

Se avete voglia di affrontarla, dunque, mettetevi in tasca 9 euro e andatele incontro.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento