Recensione: Factor-V 2

Ultima chance per Factor-V
di Claudia Calvisi

FACTOR-V 2
Autori: Sergio Stivaletti, Luca Cerretti e Luigi Bocci (testi), Giuseppe Candita (disegni), Maria Cancellieri e Marco Morandi (copertina), Marco Dominici (colori)
Formato: 96 pagine, b/n, brossurato, 21x16, 2,70 €
Editore: Star Comics

Vero è che siamo appena al secondo albo. Vero è che nella seconda di copertina Gulli ci premette che è dalla terza storia che Stivaletti inizierà a dare prova del suo talento. Ma è altrettanto vero che, se il primo numero poteva meritare credito per il solo fatto di essere l'incipit, dopo aver finito questo secondo albo non è chiaro dove si debba andare a scovare un alibi per continuare.

Che l'autore stia cercando di prendere confidenza con il nuovo mezzo espressivo nel quale si è imbarcato, è evidente. Non è chiaro però se l'intera casa editrice stia dando abbastanza attenzione al tentativo. Non è chiaro nemmeno se al disegnatore siano state strappate le tavole da sotto le mani mentre stava ancora lavorandoci su. Gli unici a cui sembra che un barlume di tempo sia stato concesso sono i copertinisti.

Insomma a prescindere dallo stabilire di chi sia la colpa per il generale senso di noncuranza, fretta e confusione che aggredisce il lettore fin dalle prime pagine, speriamo davvero che il tempo porti consiglio... molto consiglio. In caso contrario, che Sebastian, Violaine e compagnia sanguinante riposino in pace. Amen. 
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento