Recensione: Dampyr 157

Thorke, scontro decisivo
di Giuliano Scialpi

DAMPYR 157
Autori: Mauro Boselli (testi), Nicola Genzianella (disegni), Enea Riboldi (copertina)
Formato: 98 pagine, b/n, brossurato, 21x16, 2,90 €
Editore: Sergio Bonelli Editore

Lo scontro decisivo con il "signore nero" Thorke giunge al suo atto definitivo, grazie ai disegni di un Genzianella in grande spolvero ed all'indiscutibile bravura dell'ormai pilastro del fumetto italiano Boselli. L'acerrimo persecutore di Dampyr e dei suoi amici, proveniente dalla dimensione nera, il demone antropofago corruttore di uomini, in questo numero si scontrerà con una coalizione di eroi, decisa a sventarne definitivamente la minaccia, con un ingegnoso piano che prevede l'ennesima escursione in quel pericoloso mondo sorvegliato e protetto dalle spietate sentinelle nere. Un'opera corale dal sapore più ultraterreno del solito, consente all'autore di descrivere una società spietata che è la vera protagonista di questo splendido albo. Un'orrida distopia perfettamente illustrata anche dal punto di vista architettonico, specchio distorto di tanti regimi totalitari del passato e di visioni integraliste del presente, costituisce il pretesto per un'accorata denuncia di queste derive politiche dettate dall'avidità e dalla sete di potere degli uomini. Ma alle parole dell'esule Ryakar, Boselli affida un messaggio di speranza, sottolineato dal solito lieto fine, dove si intende che anche nel buio più totale la fiammella della speranza non smette mai di ardere, e il riscatto è sempre dietro l'angolo per chi ha coraggio e capacità di sognare. Un albo che, in più, dissemina spunti che non sfuggiranno al lettore più acuto, e sicuramente verranno sviluppati in seguito, proseguendo nell'ottica di far evolvere i personaggi rendendoli meno granitici e più "reali". Una scelta vincente cara al fumetto moderno, che la grande casa editrice italiana porta avanti ormai da tempo con l'incredibile successo delle sue testate.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento