Recensione: Yuki e Tsubasa - Ali sulla neve 1

Da grandi poteri...
di Marco Cubeddu

YUKI E TSUBASA - ALI SULLA NEVE 1
Autore: Shin Takahashi (testi e disegni)
Formato: 208 pagine, b/n, brossurato, 13x18, 4,50 €
Editore: Planet Manga

"Anche ammesso che i poteri extra ensoriali esistano davvero, sono sufficienti a proteggere almeno una delle cose che considei importanti?"
Così si apre Yuki e Tsubasa - Ali sulla neve, con una frase che riesce a descrivere con forza la natura dell'opera di Shin Takahashi.

Il manga segue le vicende di Tsubasa, giovane ragazzo dotato di limitate capacità ESP (percezione extrasensoriale). Questi rappresentano uno dei motivi che lo portano ad estraniarsi dalla società, entrando persino in una banda di teppisti pur essendo egli stesso vittima di bullismo. Quando il suo gruppo decide di abusare di una ragazza muta, Tsubasa decide di ignorare il fatto per tenersi fuori dai guai, ma, ad un certo punto, si rende conto di poter udire dentro di sé le grida della ragazza. Guidato da queste urla strazianti, senza quasi rendersi conto, Tsubasa accorre in aiuto di Yuki con i suoi poteri e salva la ragazza. A causa di un malinteso, la ragazza si convince che i poteri di Tsubasa siano suoi e ciò segnerà la nascita del suo legame con Tsubasa, l'unico che conosce il suo "segreto". In seguito la ragazza, convintasi di essere una "esper", desidera usare i poteri per aiutare le persone. Tsubasa, dal canto suo, vorrebbe sfruttarli per proteggere e veder sorridere Yuki. La vicinanza con Yuki e la nuova prospettiva con cui inizierà a vedere le sue particolari capacità, daranno a Tsubasa il primo impulso per affrontare i propri problemi ed interrogarsi sulla sua vita.

Il tratto sottile e dolce, spesso contrastante con la crudezza delle situazioni descritte, accompagna le  vicende interiori dei personaggi, trattate da Shin Takahara in modo maturo e delicato, facendoci percepire i passi che i personaggi, in particolare Tubasa, muovono per uscire dal proprio guscio.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento