Recensione: Speciale Dylan Dog 23

La saga di Saul
di Davide Paolino

SPECIALE DYLAN DOG 23
Autori: Pasquale Ruju (testi), Nicola Mari (disegni), Angelo Stano (copertina)
Formato: 160 pagine, b/n, brossurato, 21x16, 4,80 €
Editore: Sergio Bonelli Editore

Lo speciale dylaniato di questo 2009 da ricordare, è un tassello di una saga che Pasquale Ruju, uno dei più prolifici sceneggiatori di Dylan Dog, ha ideato e raccontato da anni. Infatti è dal numero 141 della serie regolare che fece la sua comparsa Saul, l’angelo sterminatore. Successivamente, nel 155, si faceva la conoscenza degli Illuminati, una setta di alchimisti che sarà molto utile negli albi a venire. Poi, in conclusione, nel numero 181 (con ai disegni un maestoso Stano), Dylan ritornò a Venezia per rincontrare Saul e fermare una fine del mondo annunciata. Per sommi capi, questo è ciò che bisogna sapere per comprendere appieno la storia raccontata in questo speciale.

Un albo che dire veloce è dir poco. Centosessanta pagine che volano via in un lampo: ci si può soffermare, ogni tanto, sulle tavole di Nicola Mari per apprezzarle come si dovrebbe ma, intanto, la storia va avanti. Non si ferma neanche un attimo e non concede al lettore un momento di pausa. Vengono presentati nuovi personaggi che si faranno strada nella storia elevandosi, in parte, a veri protagonisti della vicenda: Janice non è la solita ragazza di Dylan che chiede aiuto e basta, e Larkin è la ciliegina sulla torta dell’intero albo.

Unica pecca, anche se forse apparirà normale considerato ciò che è stato detto fin ora, è l’eccessiva velocità con cui la storia si conclude. Ma d’altronde, la saga non è ancora alla sua naturale conclusione che ci vedrà, secondo l’autore, nel 2012. Copertina di Stano in calo rispetto alle ultime che abbiamo potuto ammirare sulla serie regolare. Speriamo sia solo un incidente di percorso.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento