Recensione: Scott Pilgrim 1

Dichiarazione a Scott e Ramona
di Matteo Spadini

SCOTT PILGRIM 1
Autore: Bryan Lee O'Malley (testi e disegni)
Formato: 168 pagine, b/n, brossurato, 17x24, 9,90 €
Editore: Rizzoli Lizard

Dopo aver letto questo primo volume, abbiamo due nuove certezze nella vita: la prima è che amiamo Scott Pilgrim, la seconda è che amiamo Ramona Flowers (che tra l'altro è la sua ragazza). Speriamo che nessuno dei due si ingelosisca; ma come si dice, al cuore non si comanda.

Bryan Lee O'Malley, canadese, è autore dei testi e dei disegni. E' bene specificare la sua nazionalità perché ad una prima occhiata, veloce e poco accurata, si potrebbe pensare che fra le proprie mani ci sia un manga, e non è assolutamente così. Le influenze giapponesi, in ogni caso, sono ben evidenti.

Scott Pilgrim ha 23 anni ed esce con una liceale di 17. Abita con un amico gay in una casa che definire modesta è farle un enorme complimento. Suona il basso in una band che non sa suonare e passa il tempo a giocare con i videogames, oltre che ad uscire con la liceale. Perché prima di uscire con Ramona, Scott stava insieme a Knives Chau; l'ha mollata sotto la spinta del chitarrista della band, quando ormai era follemente innamorato di Ramona.

Ma c'è da soffrire per avere ciò che si desidera. E dunque Scott è costretto a battersi con i sette ex ragazzi di Ramona, se vuole continuare a stare con lei. Il primo boss di fine livello (la componente videoludica è presente in maniera massiccia) si rivela un avversario alquanto scadente.

Tanta ironia e tanto divertimento, dunque, ma anche momenti teneri, come nella prima notte che i due trascorrono insieme. I due faccioni di Scott e Ramona che scambiano battute sono adorabilmente unici, e il tratto di O'Malley non sarà un capolavoro ma è davvero perfetto per il mondo di Scott. La follia generale in cui versa la storia è notevolmente smussata (o amplificata, dipende dai punti di vista) dall'atteggiamento naturale del protagonista. C'è da sconfiggere un tizio per stare con Ramona? Beh, fammi pensare un attimo... Sì, non c'è nessun problema. Facciamolo.

Scott Pilgrim è una bella cosa. E se si avrà la voglia di lasciarsi andare nella lettura, quella cosa diventerà meravigliosa. Probabilmente nei prossimi numeri assisteremo ad una trama piena zeppa di stranezze, di ironia e di amabili dialoghi. E ci rimarremo male se non sarà così. E quindi, scusate, ma vogliamo verificarlo subito. Perché ci siamo innamorati di Scott Pilgrim e di Ramona Flowers.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento