Recensione: XVIII 18-19

La conclusione per XIII
di Alessandro Neri

XIII 18-19
Autori: Jean Van Hamme (testi), Jean Giraud e William Vance (disegni), Petra (colori)
Formato: 48 pagine cad., colore, cartonato, 21x30, 10 € cad.
Editore: Panini Comics

Il grande Van Hamme vince la sua scommessa: apportare delle risposte a tutte le domande che si sono posti i fan di XIII. Chi è in realtà XIII, il più grande eroe senza memoria del fumetto d’oltralpe?

Per sapere tutto su di lui dovete leggere il tomo 18, ”La versione irlandese”, che ci porta alle radici della serie con un viaggio nel cuore dell’Irlanda che svela l’identità del protagonista. Magistralmente disegnato da Jean Giraud (il papà di Blueberry), il volume è animato da un soffio epico raramente visto prima nella collana.

Il tomo 19, “L'ultimo round”, è più classico poiché disegnato per l’ultima volta da William Vance, cocreatore della serie, che da “Il giorno del sole nero” ha disegnato più di 800 tavole. E’ un vero fuoco d’artificio: incontriamo i personaggi che hanno segnato questa serie mitica, da Irina a Jessica a Felicity, e assistiamo alle esplosive battaglie finali sulle spiagge del Messico. Dopo 23 anni di suspense si chiude la magnifica collaborazione tra Van Hamme e Vance con il faccia a faccia tra XIII e i suoi nemici, tra noi e la verità.

Se non possiamo che essere felici che un amnesiaco ritrovi la memoria, siamo tristi per tutti gli orfani (450.000 lettori, considerando solo quelli francofoni, ad ogni nuova uscita) che XIII lascia. L'unica consolazione è la notizia di un prossimo spin-off, XIII Mystery.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento