Recensione: Ultimate Spider-Man 71

Nel fango
di Davide Paolino

ULTIMATE SPIDER-MAN 71
Autori: Brian Michael Bendis e Joe Pokaski (testi), Stuart Immonen, Mark Bagley, Robert Atkins e Ben Oliver (disegni)
Formato: 128 pagine, colore, spillato, formato 17x26, 5,30 e
Editore: Panini Comics

La storia inizia da dove l’avevamo lasciata: nelle macerie, nel fango, nell’acqua. Magneto ha colpito New York con un’ondata gigantesca che ha portato morte e distruzione. E che ha eliminato, purtroppo, decine di supereroi: l’epilogo della fine e della rinascita dell’Universo Ultimate è raccontato in queste tre storie, raccolte in un unico volume. Tre diverse avventure viste dagli occhi di alcuni, inaspettati, protagonisti.

La prima è raccontata da J. Jonah Jameson: il direttore del Daily Bugle finalmente ha capito la vera natura di Spider-Man, finalmente ha scoperto che non era la minaccia che lui pensava ma era un autentico eroe. “Era” perché Peter Parker è dato per disperso e creduto morto. Jameson ne approfitta per raccontare due avventure del Ragno pre-alluvione, belle sicuramente ma, forse, non adatte al momento drammatico in cui vengono raccontate. Il lettore ha voglia di sapere cosa succederà, non vuole soffermarsi troppo sul passato. Per fortuna i disegni del redivivo Bagley fanno sempre un gran piacere agli occhi e all’umore.

L’avventura dei Fantastici Quattro è ambientata durante la tremenda alluvione. La loro sfida contro il demone Dormammu è avvincente e l’epilogo è, decisamente, inaspettato. Anche se era nell'aria dopo la fine della testata a loro dedicata. Pokaski (ai testi) e Atkins (ai disegni) creano un finale forse perfetto, con molte porte aperte per il futuro.

Conclude l’albo l’avventura dedicata agli X-Men dove Jean Grey è intenta a seppellire tutti i compagni deceduti nella tragica inondazione. Un’avventura scialba che serve solo a far capire, purtroppo, che non c’è più niente da fare e che chi è andato non ritornerà mai più. Ma nell’Universo Marvel, così come in quello Ultimate, “mai più” è un concetto difficile da realizzare. Non eccezionali le tavole di Oliver che tendono al grigio, forse per donare alla storia quella tristezza che avvolge tutto l’albo.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento