Recensione: Topolino 2737

Novecento sbarca su Topolino
di Davide Paolino

TOPOLINO 2737
Autori: Alessandro Baricco, Tito Faraci, Giorgio Cavazzano, Silvia Ziche, Carlo Panaro e AA.VV.
Formato: 178 pagine, colore, brossurato, 14x18.5, 2,10 €
Editore: The Walt Disney Company Italia

Le voci sono circolate rapidamente, tre settimane fa alcuni forum e blog di internet diedero la notizia della collaborazione di Baricco con il giornale di casa Disney con grande clamore. L’opera lo meritava, d’altronde stiamo parlando di un romanzo che ha ispirato un film campione d’incassi quale La leggenda del pianista sull’oceano. Aggiungere poi Tito Faraci alla sceneggiatura e il maestro Cavazzano ai disegni, significava dare ancora più lustro alla storia. Ma, purtroppo, lascia un po’ di amaro in bocca. L’opera è troppo simile al romanzo, non c’è quel qualcosa in più che potevano dare i personaggi disneiani. Anche se Pippo è perfetto nella parte di Novecento, strano come lui, anche incompreso per certi versi, sia un ottimo protagonista principale. E Blackspot fa una buona figura del jazzista sconfitto nella gara al piano. Faraci ha avuto un’ottima idea a trasporre il romanzo con i personaggi topoliniani, d’altronde sono i suoi preferiti, ma alla fine della lettura non rimane quel senso di appagamento come nelle altre storie scritte da lui. Plauso al maestro Cavazzano che, strano a dirsi, migliora sempre più e ci regala delle tavole da guardare, ogni volta, con ammirazione.

La saga di DD arriva al terzo e penultimo episodio. Non siamo ai livelli di Pk (inarrivabile), ma l’agente segreto Paperino è un personaggio azzeccatissimo. In questo missione: complotti, spie e controspie, amici e nemici che si mescolano tra di loro e anche un occhio sulla vita privata dell’agente segreto Double Duck, cosa volere di più? Speriamo in un dignitoso finale.

Concludono l’albo: una storia sulle regole del rugby di Marco Gervasio, niente di eccezionale, e i Bassotti che cercano di derubare Paperone servendosi del buon Paperino, episodio di Carlo Panaro. Ne avremmo volentieri fatto a meno.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento