Recensione: Pretty Deadly 1

Altra bella serie per il nuovo corso Image
di Umberto Rossolini

PRETTY DEADLY 1
Autori: Kelly Sue Deconnick (testi), Emma Rios (disegni e copertina)
Formato: 32 pagine, colore, spillato, 17x26, 3,50 $
Editore: Image Comics

Pretty Deadly, nuovo western della Image Comics, ci racconta una strana epopea mista al genere fantasy, nella quale vediamo una bellissima ragazza suicidarsi e incontrare la Morte stessa, che non riesce a non subirne il fascino. Dalla loro unione nascerà una bambina, Ginny, che sarà un personaggio più volte ricordato in tutto questo numero, ma che viene calato nella storia in modo ambiguo, senza sapere quale ruolo vi svolgerà. Piuttosto, di un'altra bambina seguiremo le vicende fino all'ultima pagina: in un turbinio di azione, per ragioni non ancora precisate, la piccola Sissy verrà inseguita da una banda di pistoleri e aiutata da un anziano signore cieco, in una fuga continua.

Ma la maestria nel disegno di Emma Rios (Dr. Strange, Osborn) sa ben raccontare le scene d’azione, alternando vignette piccole e incentrate sui dettagli ad altre di più ampio respiro, in uno stile che per certi versi ricorda i manga. La colorista Jordie Bellaire, poi, svolge un lavoro egregio nel far risaltare il tratto della Rios, scegliendo colori molto accesi, che concedono un netto segno di epicità alla storia.

Deconnick (Avengers Assemble, Captain Marvel), la sceneggiatrice, sembra infine saper ben congiungere un western di stampo classico a vicende che potremmo dire più vicine al panorama fantasy: la presenza della Morte stessa rompe con il classico modello western che vede nei soliti personaggi, fra cui sceriffi, pistoleri, ranger, vagabondi e becchini, gli unici "attori" in scena. Inoltre, altri elementi appena accennati e che probabilmente saranno approfonditi nei numeri successivi danno quel tocco grottesco a tutta la storia: la piccola Sissy che si veste con delle piume di avvoltoio oppure il flashback in cui l’amore fra una donna e la morte viene disegnato come un’esperienza allucinante.

Dunque, possiamo dire che Pretty Deadly è una nuova serie alquanto interessante. Se non riuscirete a farvi prendere dalla storia, quantomeno saprete sicuramente apprezzare gli ottimi disegni della Rios, sempre chiari e "puliti", per non dire funzionali in ogni vignetta a ciò che deve essere raccontato.

Questa serie prende piede, poi, in quello che è il nuovo corso della Image comics. Un nuovo modo di fare fumetto che ammiriamo e apprezziamo moltissimo. L’Image si presenta ogni mese, infatti, con serie dai generi diversissimi gli uni dagli altri, ma che guarda di buon occhio autori emergenti e storie che si discostano dal classico supereroismo americano. In questo senso, ne siamo convinti, Pretty Deadly diventerà a breve una delle serie di punta di questa compagnia. Anche perché nel suo essere magistralmente disegnata e altrettanto ottimamente sceneggiata, questo fumetto non ha nulla da invidiare ad altri appartenenti al panorama delle major e non ha nessun’altra serie che possa definirsi simile.

Da seguire assolutamente.
Share on Google Plus

About Redazione ComicsViews

0 commenti:

Posta un commento